Hendioke's Lair

In the deep of the dragon

Archivio per il tag “Aislinn”

Voci dalla tana – XIII

Bentornati a un nuovo Voci dalla tana. Mi son reso conto che, più spesso che non, finisco con il segnalare opere parecchio risalenti nel tempo, segno tangibile di come consumassi molti più videogiochi, film e libri un tempo rispetto ad adesso… sigh…

Con questo Voci dalla tana, quindi, voglio provare a concentrarmi su cose più recenti, per i miei standard, spero vi piaccia 🙂

Un libro – Angelize (e Angelize II)

Ok, sono due libri in verità, ma si tratta di una duologia così coesa che preferisco considerarli un’opera unica.
Trattasi di un urban fantasy opera della clarissima Aislinn, autrice fantasy nostrana. Ammetto che ho letto il primo Angelize solo quando le circostanze hanno creato l’occasione, perché il titolo da una parola, in inglese, che suona come uno strano aggettivo e la trama con angeli dentro mi avevano inizialmente tenuto a diffidente distanza. Dopo aver divorato il primo ho subito recuperato e divorato anche il secondo, diventando un fan dell’autrice 😀

Angelize

Non la più invitante delle copertine, converrete

Dio è morto, e se non è morto, beh… è comunque da un bel pezzo che non si fa vivo e i suoi angeli, i suoi soldati e fedeli servitori, sono ora inchiodati a una esistenza eterna da ultimi giapponesi sull’isoletta, quando la guerra è finita. Destinati a ricordare in eterno il loro Signore mentre vagano incorporei e insensibili nella dimensione spirituale del mondo.
Due palle, vero?

Alcuni angeli, stufi della situazione, decidono di trovare una scappatoia incarnandosi in esseri umani, così da poter condurre una vita mortale. Peccato che questo comporti uno scambio fra loro e l’anima degli umani “prescelti”.
Ecco, quindi, che alcune decine di esseri umani si ritrovano a ricoprire lo scomodo ruolo di angeli involontari, sperduti in una dimensione che non capiscono e maltrattati dagli angeli puri, che li vedono come una aberrazione. Continua a leggere…

Liebster Award 2016

Spezzo il silenzio del blog perché sono stato, poche settimane fa (mi muovo, nell’annunciarlo, col mio consueto ritardo :P) insignito con il Liebster Award 😀

Il Liebster Award appartiene a quella categoria di premi della blogsfera che stanno a metà fra l’onorificenza e la catena di Sant’Antonio. In particolare è un premio dato per l’interesse che un blogger ha verso il lavoro di un altro blogger o per amicizia, in quanto le regole del premio permettono di scoprire qualcosa in più sulla persona che sta dietro post e layout e lo scopo ultimo dell’operazione e alimentare il passaparola, così che gli utenti possano scoprire nuovi blog e blogger di loro potenziale interesse.

Cominciamo

Liebster Award 2016

Ad attribuirmi questo Liebster Award (il secondo nella storia di questo blog) è stata la cara Aislinn, che ringrazio moltissimo (sia perché lo richiede il regolamento, sia perché le sono sinceramente grato :D). Aislinn è una delle autrici di punta dell’urban fantasy in Italia e una delle migliori autrici italiane di fantasy punto. Il suo blog vi permette di tenere traccia del suo lavoro e di seguire le sue riflessioni, sia sulla scrittura che su altro. Essendo lei una persona interessante le riflessioni stesse lo sono quindi ve la raccomando caldamente* ^^

Il secondo punto richiesto dal concorso è di promuovere con massimo 300 parole un blog interessante fra quelli che si seguono, e io voglio promuovere La cupa voliera del Conte Gracula, perché da quando Daniele si è aggiunto al novero dei miei 3 affezionati commentatori ho sperato scrivesse anche lui e, di fatti, ha un blog affascinante, dove, con l’aiuto di uno dei menù più precisi mai visti in un blog, mette a disposizione tanti articoli sui più diversi argomenti (dal cinema ai giochi di ruolo, passando per libri e videogiochi), scritti bene, con competenza e un sottile senso dell’umorismo che personalmente adoro 😀

Il secondo passo è rispondere alle 11 domande predisposte dal blogger che ti ha nominato, quindi vediamo le 11 domande di Aislinn Continua a leggere…

Navigazione articolo