Hendioke's Lair

In the deep of the dragon

Archivio per il tag “narrativa”

Appunti di narrazione videoludica – 2. Comunicazione del contenuto e Narrativa Emergente

Bentornati!

Dopo aver gettato le premesse del nostro discorso in questo post, dove abbiamo delineato le caratteristiche fondamentali del videogioco e individuato nel gameplay la grammatica di questo medium, è arrivato il momento di iniziare a esporre come il gameplay permette al videogioco di narrare alcunché.

Come promesso andrò per gradi, partendo dal videogioco come gioco e spostandomi verso il videogioco come opera narrativa vera e propria.

In questo secondo appuntamento tratteremo il gameplay come semplice esposizione del contenuto ludico del videogioco e il gameplay come mezzo per permettere al videogiocatore di creare, tramite il videogioco, una propria narrazione non predeterminata dall’autore del videogioco.

Pronti? Insert a coin.

Continua a leggere…

Appunti di narrazione videoludica – 1. Premessa

Questo è il primo di una serie di articoli in cui esplorerò l’argomento della narrazione videoludica. Ovverosia di come i videogiochi comunicano – il loro mero contenuto o, l’ipotesi che più mi interessa, una storia.

Si tratta di un discorso complesso e sviscerato in diverse sedi e diverse occasioni da persone con più titoli e conoscenze del sottoscritto, inoltre è un discorso che tocca un sacco di argomenti, dalla natura del videogioco come medium allo status di videogioco come opera d’arte.

Fin da subito prometto di fare del mio meglio ma voglio mettere le mani avanti e rammentarvi che si tratterà di riflessioni “spurie” dalle quali non dovrete attendervi un livello di analisi troppo profondo né un’esposizione tecnicamente ineccepibile.

Spesso semplificherò le cose, ogni tanto prenderò strade diverse rispetto a quelle che so essere battute dalla critica videoludica titolata, altre volte prenderò sentieri la cui aderenza ai dettami accademici per primo non saprò valutare. Diciamo che sarà una lunga chiacchierata fra amici appassionati di un argomento.

Se vi interessa, insert a coin.

Continua a leggere…

Il quarto tappo

Purtroppo, come avrete capito dal titolo, nessun articolo corposo oggi, mi spiace. Con questo quarto tappo, però, non solo spezzo il silenzio del blog ma vi segnalo anche una iniziativa più che interessante 😀

Il lettore di Fantasia è una iniziativa editoriale nata nel luglio del 2014 con il nobile scopo di diffondere la letteratura fantastica e di genere, attraverso il bistrattato ma mai troppo lodato sistema della rivista.

banner IL LETTORE DI FANTASIA

In pratica, con cadenza aperiodica (ma tendenzialmente bimestrale), la redazione de il Lettore di Fantasia pubblica un numero dell’omonima rivista, in 16 pagine, che viene reso disponibile per il download gratuito sul loro sito e distribuito, sempre gratuitamente, in alcune librerie e luoghi di ritrovo in giro per l’Italia.

Questa rivista propone racconti di genere (dal fantasy all’horror passando per il giallo e i -punk vari), spesso a puntate, e il suo lodevole intento è quello di diffondere l’abitudine alla lettura della narrativa di genere attraverso uno strumento gratuito (le spese vengono coperte dagli sponsor acquistando pubblicità sulla rivista) e di facile reperibilità.

Personalmente l’ho scoperta qualche mese fa e ne sono rimasto piacevolmente colpito. Ci sono diverse firme che si alternano a scrivere racconti brevi o lunghi con una varietà di stili e di argomenti tale che non tutto piacerà, o comunque non piacerà tutto allo stesso modo, ma è difficile non trovare una penna o un singolo racconto che non incontri il nostro gusto e che non sia piacevole da seguire nel corso del tempo.

L’idea del suo creatore, Fabio Mosti, è in effetti quella di creare una opera che accompagni il lettore nel tempo e con la quale il lettore possa mantenere vivo un rapporto di affetto dato tanto dal seguire il dipanarsi su un lungo periodo delle storie cui ci si appassiona, sia dal piacere di scoprire ogni volta nuove storie e nuovi autori.

Un’altro intento molto lodevole che il Lettore di Fantasia si propone è quello di contribuire, nel suo piccolo, a diffondere l’idea che se scrivi e pubblichi devi essere pagato, anche se non stai pubblicando un libro con una casa editrice, anche se stai “solamente” pubblicando un racconto di 2.000 parole su una rivista.

Difatti la redazione compensa gli autori con 3,5 euro ogni 1.250 caratteri (e gli illustratori 25 euro a tavola) che, sinceramente, non so dire se è tanto o poco ma in questo periodo desolante per chiunque tenti la carriera letteraria che ci sia una retribuzione, invece della “accattivante” visibilità, è già una buona cosa ^^

Se siete curiosi di scaricare qualche numero de il Lettore di Fantasia, o di leggerlo direttamente dal loro sito, per vedere se può piacervi fate utilizzate pure il link in testa al post, se volete seguirli su Facebook questa è la pagina e se dopo averne letto qualche numero decideste che vi piace e che volete aderire alla loro causa potete contribuire attraverso Patreon.

Da par mio andrò avanti a leggerla con interesse e un giorno mi piacerebbe proporre qualcosa per la pubblicazione ^^

Navigazione articolo